AREA DI INTERESSE

MALATTIE CARDIOVASCOLARI

Le malattie cardiovascolari più comuni sono l’infarto e l’ictus e rappresentano la principale causa di morte nei paesi occidentali. Entrambe sono causate dall’ostruzione parziale o completa dei vasi che portano il sangue al cuore per l’infarto e al cervello nell’ictus.
Alla base dell’ostruzione vi è il fenomeno dell’aterosclerosi caratterizzata dalla deposizione di grassi, proteine e fibre nelle arterie, con formazione di placche. Queste che nei casi più gravi risultano grandi al punto da provocare un’interruzione della circolazione del sangue.

Esistono fattori di rischio che possono aumentare la probabilità d’insorgenza delle malattie cardiovascolari.
I principali fattori di rischio indipendenti dallo stile di vita o dall’assunzione di farmaci sono:

età: il rischio aumenta progressivamente con l'avanzare dell'età.

sesso: gli uomini sono più a rischio delle donne. Nella donna il rischio aumenta sensibilmente dopo la menopausa.

predisposizione famigliare

I fattori di rischio cardiovascolare più importanti sono però quelli dipendenti dallo stile di vita e che quindi si possono modificare:

fumo

ipertensione arteriosa: una pressione arteriosa elevata costringe il cuore a un superlavoro e accelera la formazione di aterosclerosi nelle pareti delle arterie.

elevati livelli di colesterolo: maggiore è la sua quantità, più alto è il rischio che si depositi nelle pareti delle arterie.

diabete, che, se non correttamente controllato, favorisce l’aterosclerosi, incrementando il rischio cardiovascolare

obesità

sedentarietà

La presenza contemporanea di più di uno di questi fattori aumenta di molto il rischio cardiovascolare.

Tramite l’autoanalisi del sangue in farmacia QuiPuoi, è possibile quantificare il rischio cardiovascolare; in particolare è importante tenere sotto controllo alcuni parametri, colesterolo totale, colesterolo HDL e trigliceridi.

COLESTEROLO TOTALE e COLESTEROLO HDL

Il colesterolo, insieme ai trigliceridi e ai fosfolipidi, è uno dei grassi presenti nel nostro organismo, dove svolge funzioni importanti per la nostra vita. Il cosiddetto colesterolo buono è trasportato dalla proteina HDL, mentre il cosiddetto colesterolo cattivo dalla proteina LDL.

I livelli del colesterolo totale nel sangue e quelli del colesterolo HDL e LDL sono importanti parametri da tenere sotto controllo, poiché soprattutto una carenza di colesterolo HDL (colesterolo buono), rappresenta un’importante fattore di rischio per l’insorgenza di malattie cardiovascolari.

I TRIGLICERIDI

I trigliceridi sono grassi assunti soprattutto tramite l’alimentazione, e rappresentano i principali componenti del tessuto adiposo, comunemente definito grasso corporeo, con funzione energetica di riserva.


Un valore elevato di trigliceridi nel sangue costituisce uno dei parametri di valutazione del rischio di malattie cardiovascolari e potrebbe essere segno di scorrette abitudini di vita (quali l’abitudine al fumo, l’abuso di alcool, sedentarietà e alimentazione scorretta).

In farmacia grazie all’autoanalisi del sangue Qui Puoi è possibile misurare colesterolo (totale, LDL, HDL) e trigliceridi in modo semplice, veloce e affidabile.

Colesterolo totale:

fino a 200 (mg/dl)

Colesterolo HDL:

< a 40 (mg/dl): rischio più alto malattie coronariche

≥ 60 (mg/dl): rischio più basso malattie coronariche

Trigliceridi:

fino a 200 (mg/dl)

*Come da standard di riferimento. Vedi foglietto illustrativo delle confezioni dei test di autoanalisi

trova la farmacia qui puoi